Ortoressia

Ortoressia

E’ la malattia del mangiar sano.

Consiste in un disturbo caratterizzato dalla fobia per i cibi che si ritengono non sani.

E’ una preoccupazione che appunto risulta, all’evidenza clinica, molto più pervasiva di una comprensibile attenzione per i cibi.

Tutte le preoccupazioni del soggetto sono quotidianamente rivolte alla qualità del cibo, al suo rischio di contaminazione da parte di agenti patogeni e al fatto che questo sia sporco e quindi di cattiva influenza sulla propria salute corporea.

Un vero e proprio fanatismo alimentare unito ad un complesso di superiorità, basato sul cibo, lo porta a disprezzare chiunque non mangia sano.

Il disturbo interessa più il genere maschile e appare sopra i 30 anni di età.

1.1   Modalità comportamentali

Ruminazione: più di 3-4 ore al dì usate per   pensare quali cibi scegliere, come prepararli e consumarli pretendendo solo ciò che fa star bene, anche se non piace.

Pianificazione: dei pasti con diversi giorni di anticipo  al fine di evitare cibi ritenuti dannosi

Ricerca per l’acquisto: degli alimenti sani  prolungata nel tempo  a scapito di altre attività.

 

1.2   Conseguenze fisiche, psico/relazionali

Squilibri elettrolitici, avitaminosi, osteoporosi, atrofie muscolari come conseguenza della dieta squilibrata.

Isolamento sociale, come esito di una scelta di vita che non può essere condivisa da chi non ha le stesse abitudini.

Condotte di evitamento di normali situazioni di relazioni interpersonali : es. inviti a cena/pranzo, al ristorante, festeggiamenti, bar  causati dalla persistente preoccupazione  di mantenere le rigide regole alimentari auto imposte.

Disturbi emotivi come conseguenza di deviazioni anche minime dalla regole: rabbia, auto colpevolizzazione, umore depresso, ulteriore isolamento.

Somatizzazioni dell’ansia (nausea, vomito).

Comportamenti fobico- maniacali come per la pulizia, per l’esercizio fisico, per massaggi o cure estetiche fobie per i farmaci.

 

1.3   Fattori causali

Sono essenzialmente mentali.

Disturbo fobico/ossessivo e ipocondria: per le malattie, per le contaminazioni e dell’invecchiamento.

Influenza di messaggi pubblicitari  su ciò che fa bene o male per la salute; sui cibi buoni e su quelli cattivi ecc.

Livello culturale semplice  ,poco attrezzato ad assumere posizione critica circa notizie catastrofiche  su infezioni, su inquinamenti, su “mucca pazza”, su “aviaria”, su sofisticazioni alimentari, su catastrofi naturali ecc.

Stereotipi culturali legati alla forma fisica maschile “sana”.

Contattaci

2 + 6 =

Indirizzo

Sede operativa

Viale San Marco, 184/A

30173 Mestre (VE) - (fermata tram BOERIO)

Contatti

e. info@laretedca.it

t. 331.98.189.90

t. 338.76.93.639

Privacy e cookie policy